Contrasti @ Troublezine

Gli Antistamina non li conoscevo ed avevano catturato l’attenzione del mio orecchio qualche tempo fa, quando uscì il tributo ai Cock Sparrer della Raged Records in cui interpretavano magistralmente Because You’re Young (che qua ritroviamo come bonus).
Non passa molto tempo ed il loro album d’esordio, “Contrasti”, sempre su Raged Records, è bello e servito. Un disco in cui la band romana, attiva ormai dal 2004, ha raccolto il meglio del proprio repertorio; un disco che di fatto riassume la storia di questa band dedita ad uno ska-punk di ottima fattura e di grande qualità. E quando dico ska-punk non dovete pensare alla roba sciatta che qualche anno fa proponevano decine di band (poi tutte sparite): qua siamo di fronte ad un sestetto di tutto rispetto, che sa fare il proprio mestiere di musicante e che lo fa pure bene.
Un sound pieno e ben armonizzato, tra ritmi danzerecci in levare e parti più roccheggianti, che assume anche atmosfere da film (Voglia di Cambiare) e che si mescola a volte con suoni multietnici (penso all’inizio arabeggiante di Il Perfetto Benpensante).
Oltre alla già citata ci sono un altro paio di cover: l’iniziale strumentale Apache ed il singolo estratto, Rebel Yell, classico di Billy Idol molto ben riarrangiato.
Anche per via delle liriche impegnate e sociali mi viene da avvicinarli, a grandi linee, a band come Banda Bassotti o Radici nel Cemento (tanto per restare in zona Roma…): gli Antistamina sono però decisamente più graffianti, con la peculiarità della grintosa voce femminile!

MaxRozzo

Annunci